In vista della pubblicazione, i testi inviati sono sottoposti in forma anonima alla valutazione di un minimo di due referee, selezionati in base alla competenza specifca sui temi trattati. La superbia di Parrasio e lautoaffermazione dellartista nella Grecia classica Giulia bOrDi Un pictor, un magister e uniscrizione enigmatica nella chiesa inferiore di San Saba a Roma nella prima met del X secolo maria liDOVa The artists signature in Byzantium.

Alle origini della stampa di riproduzione? Il progetto mira a realizzare un corpus delle opere, di ogni classe e tipologia, frmate ossia provviste di iscrizioni comprensive dei nomi degli artefci in latino e nei volgari italiani. Larea censita corrisponde, per consapevole convenzione, allItalia attuale; larco cronologico, defnito invece a seguito di lunghe rifessioni e verifche, esteso dal VII secolo al Gotico internazionale: dunque, un limite mobile a seconda degli ambiti e delle classi.

Alla radice del progetto che inizi a delinearsi alla fne degli anni Novanta, nei seminari che allora coordinavo a latere dei corsi di Enrico Castelnuovo alla Scuolalinteresse per le persone storiche degli artisti medievali e la convinzione che per avvicinarsi ad esse, in unepoca priva di una specifca letteratura artistica, le frme costituiscano una fonte insostituibile.

Quanto mai varie sotto il proflo grafco, estetico, linguistico e testuale, e nel rapporto con la compagine monumentale e fgurata, spesso lunghe e complesse, queste iscrizioni raramente riprodotte e correttamente editese analizzate nel nesso inscindibile con le opere offrono dati e indizi preziosi sullautocoscienza degli artefci, la loro cultura ed il loro sentimento religioso o civico, sul loro rapporto con le committenze ed i pubblici, sullorganizzazione del lavoro e le strategie di mercato, nonch sul lessico artistico medievale.

Questassunto, autorizzato da ricerche fondanti penso ai contributi di Augusto Campana sulle epigraf modenesi, alle aperture negli studi di Castelnuovo sulla fgura dellartista nel Medioevo, e, dagli anni Ottanta, a studi mirati, in primis quelli di Peter Cornelius Claussen e di Albert Dietl del quale, mentre scrivo, si annuncia come imminente unopera molto attesa, con un catalogo di ottocento attestazioni italianetrovava in quei seminari conferme e ulteriori articolazioni, tramite serrate verifche sui campioni pi disparati.

La pubblicazione del repertorio, che ad ogni opera frmata dedica una scheda, prevista in forma libraria, come collana di volumi tematici editi presso il Centro Edizioni della Scuola Normale, e come database navigabile on line, predisposto per complessi percorsi di ricerca e costantemente aggiornabile. La molteplicit di competenze necessarie, i costi elevati, i tempi lunghi e poco prevedibili del lavoro di censimento con gli scavi nei molti floni e strati della tradizione indirettaschedatura, analisi, documentazione iconografca nonch, per la versione informatica, di codifca, immissione, test sono evidenti.

Basti qualche cifra arrotondata per la tranche dedicata a Siena e artisti senesi dal XII secolo al terzo decennio del Quattrocentole cui prime sezioni sono in corso di pubblicazione: oltre trecento attestazioni circa un terzo note per tradizione indirettasenza contare la classe di oggetti forse percentualmente pi frmati nel Medioevo, che la meno indagata e la pi sorprendente: le campane, che, ancora in via di censimento, nel Senese sono gi pi di sessanta, per lo pi inedite.

Per gli apparati iconografci, solo un dato: la sezione dedicata agli oraf senesi sessantacinque schede ha richiesto, per unadeguata copertura di opere ed epigraf, oltre duecentosettanta immagini, per lo pi realizzate ad hoc il che non sorprender pensando, ad esempio, come in un calice liscrizione possa disporsi sulle sei facce del nodo. Dunque un cantiere complesso, di lungo corso, condizionato dalla variabilit delle risorse, umane e fnanziarie.

Tuttavia, grazie a una costante valorizzazione didattica ai seminari si sono via via affancate tesi di laurea, specializzazione e dottoratoil mobile gruppo che su quel cantiere, nel tempo, si aggregato, ha prodotto frutti copiosi e vari: frutti irriducibili alla misura delle schede, spesso relativi ad ambiti diversi da quelli delle sezioni del progetto in corso dopera, e talora data la partecipazione ai seminari della Scuola di colleghi e di giovani orientati su diversi ambiti della storia dellarte, o anche su altre discipline esterni agli stessi confni spazio-temporali del repertorio.

Lidea della rivista, in prima battuta, nata dalla volont di non disperdere questi contributi, mettendoli in circolo in forme, modi e tempi svincolati dai limiti inevitabili per il laboratorio delle Opere frmate. Da qui anche la scelta di recuperare nel titolo quello della brochure che accompagn le prime uscite pubbliche del progetto, con i poster tematici presentati al convegno su Lartista medievale Modena, e in uniniziativa didattico-espositiva presso la Pinacoteca Nazionale di Bologna Le opere e i nomi.

Prospettive sulla frma medievale, a cura di M. Donato, Pisa Allesperienza bolognese risale anche quello che divenuto lemblema distintivo e augurale del progetto e ora della rivista, il monogramma-frma di Vitale Vitalis degli Equi, che a mo di rebus lo imprime sulle terga del cavallo del San Giorgio: prova brillante della possibile vitalit, mentale e fgurativa, dellaspirazione degli artisti a lasciare memoria scritta di s, e, per noi, della necessit di valutare quelle memorie come forma, come parte dellimmagine oltre che come testi, che uno dei cardini metodologici del progetto.

Su questa linea ha preso forma il nostro primo numero, monografco, che accosta studi scaturiti da interventi presentati alla Scuola fra il e ilnellambito del seminario di Storia dellarte medievale, a contributi di collaboratori al repertorio, esemplifcando forme e signifcati delle memorie epigrafche e talora fgurate dartista su una campionatura che si apre con Parrasio e si chiude con Drer e Marcantonio Raimondi, traversando un variegato ventaglio di declinazioni del fenomeno-frma fra lalto Medioevo e il Quattrocento.

Da l a pensare la rivista, per, come uno strumento pi elastico e ospitale di quanto non sarebbero stati i Beihefte di un progetto in feri, vasto ma tematicamente mirato, il passo stato breve.

A suggerirlo, ancora, la solidariet fra didattica e ricerca che ha prodotto negli ultimi anni, in seno al seminario, contributi su temi e problemi che a quelli propri del progetto sono spesso liminari ad esempio sulle politiche di reclutamento, lo status e i compiti degli artefci nellItalia comunale e signorilema talora anche solo apparentati, a dirla nel modo pi piano, dallaspirazione a una storia dellarte parimenti attenta al proprium dei documenti monumentali e fgurativi e alle circostanze della loro origine, vita e fortuna neglintrecci della storia politica, economica, sociale e culturale.

Da qui, la scelta di ancorare il binomio Opera-Nomina alla vasta e salda dimensione delle Historiae, e quella di interpretare la rivista come un giornale: un giornale dei lavori del progetto, ma anche del seminario, che accolga e diffonda quanto nasce entro ed intorno ad essi, e dal loro dialogo con interlocutori che speriamo partecipi e numerosi.

Ne seguir unelastica articolazione in due aree, non sempre compresenti: alla costante deglinterventi legati agli ambiti dinteresse del corpus le fgure storiche degli artisti e le relative testimonianze epigrafche, ma anche documentarie, letterarie, visivea partire da un interesse primario per il Medioevo ma, in prospettiva comparativa, su un arco esteso dallAntichit allEt modernasi affancheranno contributi su temi pi liberi, con speciale attenzione ai nessi fra arti e contesti storici e culturali, e con la stessa possibilit di escursione cronologica.

La scelta di fare di ONH questo lacronimo con cui la citeremo una rivista on line parsa naturale e necessaria. Lo consigliava gi la sua genesi entro un gruppo di lavoro attivo nel solco di una storia di studi, ormai pluridecennale presso la Scuola, che nellapplicazione calibrata delle tecnologie informatiche alle discipline storico-artistiche riconosce un decisivo strumento di acquisizione, organizzazione e diffusione delle conoscenze.

Pi da vicino, lo suggeriva la sua radice in un progetto che ha fra i suoi fni la realizzazione di una base di dati on line, di dimensioni e fessibilit altrimenti impensabili: progetto che sul web di recente approdato anche in quella che resta la sua articolazione libraria, dato che le prime sezioni sono in stampa come volumi on line e on demand. ONH, insomma, nasce naturalmente linkata alle pubblicazioni in progress, che anticipa di poco, del repertorio delle Opere frmate nellarte italiana. Ma almeno altre tre ragioni, concrete e, ci pare, non banali, consigliavano questa scelta.

La prima labbattimento dei costi, con la possibilit di pubblicare, fra laltro, un alto numero di immagini a colori ad alta risoluzione diffcilmente, in una sede tradizionale, si sarebbe presentato un calice inedito con un corredo di oltre quaranta immagini a colori fra interi, dettagli e confronti, come Elisabetta Cioni fa nel numero desordio ; la seconda, la risoluta accelerazione dei tempi, nel nostro caso incrementata dalla gestione del lavoro editoriale e redazionale, per cos dire, in casa: vantaggio dirimente in unepoca in cui i giovani non solo loro: ma per loro ci dispiace di pi devono spesso attendere anni per vedere concretizzati i frutti della loro intelligenza, del loro entusiasmo e del loro impegno, per motivi spesso del tutto interni al circuito editoriale.

Terza ragione, la volont di offrire ad un pubblico potenzialmente vasto gli esiti di ricerche che si vogliono quanto possibile rigorose e a tal fne, dalla prima uscita, i contributi pur in questo caso selezionati da me, in quanto esiti di un seminario e dun progetto di cui sono responsabilesono stati sottoposti a un processo di peer review. Data lorigine, appunto, seminariale della rivista, nostro auspicio raggiungere, oltre agli specialisti delle discipline interessate, un pubblico di giovani studiosi e studenti.

Chiunque insegni sa quanto la ricerca in rete sia ormai radicata nella prassi delle scuole di ogni ordine e grado, e come allafforare nelle tesi di laurea di pi o meno dissimulati taglia e incolla da Wikipedia se non da fonti ancor meno sorvegliate e destituite di tracciabilitfacciano riscontro, per fortuna, rare ma ineccepibili sitografe scelgo il lemma che la sezione Parole nuove del sito dellAccademia della Crusca invita a preferire al pi vulgato linkografa.

Vedere, in questo, soltanto il serissimo rischio che simbocchino sciagurate scorciatoie, limitarsi a paventare che il download indiscriminato dallaccattivante, ma fallace omogeneit-simultaneit di contenuti della rete sostituisca lirripetibile esperienza della storicit anche fsica del libro, ci pare un errore.

Meglio faremo in primo luogo a rassegnarci o, perch no, ad appassionarci allidea che laddestramento ad un uso avvertito, critico e mirato delle risorse di rete entri a far parte della prassi didattica, anche al di l dei corsi di Informatica umanistica; in secondo luogo, ad adoperarci perch allimmediatezza dellaccesso da parte dei giovani e non solo alla cultura formato pc risponda, quanto meno, anche unofferta qualifcata.PD Provincia di Padova n.

La rivista viene distribuita gratuitamente ai Soci ordinari della S. Progetto grafico e impaginazione: Francesco Cozza Realizzazione grafica al computer: Giuseppe Manfrin. Stampa: Nuova Grafotecnica snc - Casalserugo, via L.

Da Vinci, 8 - tel. Ai margini dellurbanesimo.

Grenade pins

Le comunit montane dellItalia settentrionale in unet di cambiamenti 8 Mara Migliavacca. La circolazione monetaria a Verona in et romana: i dati dei lavori dAdige 82 Antonella Arzone, Federico Biondani. Palazzo Chiericati a Vicenza. Sondaggi archeologici nel sito del castello vescovile di Castelgomberto Vicenza Cristiano Miele.

Yu gi oh forbidden memories cheats

Nuovi dati per larcheologia di Jesolo Venezia attraverso laerofotointerpretazione Graziano Serra. Bestiario ceramico Gli animali simbolici sulle ceramiche graffite rinascimentali dalla struttura esagolane del distrutto monastero di Santa Chiara de Cella Nuova di Padova: il castoro Vincenzo Gobbo. Annotazioni su Alcune notizie sulle mura di Padova Gianpaolo Candiani. Larea oggetto di studio, tra le due citt attuali di Trento e Verona.

Le comunit montane dellItalia settentrionale in unet di cambiamenti. La regione studiata Mi auguro che il mio studio possa aiutare a capire scala e tipo di organizzazione terri- Larea oggetto di studio abbraccia una toriale nellantichit; ad individuare i cambia- porzione della montagna veneta, definita menti nelle strategie insediative nel corso del a ovest dal lago di Garda, ad est dal fiume tempo e le possibili ragioni di questi cambia- Brenta.

Il confine settentrionale coincide con menti; ed infine ad evidenziare la ricchezza il confine regionale tra Trentino-Alto Adige e del patrimonio tecnologico e culturale della Veneto; verso sud le Prealpi venete che rag- montagna veneta. Limiti cronologici della ricerca Questo territorio sempre stato unarea di passaggio naturale tra il mondo alpino e la I limiti cronologici della ricerca sono il VI pianura padana.

Le alte quote sono sempre secolo a. Calzavara Capuis L. Nellarea oggetto di studio, possia- spettacolare, ma pi difficile da attraversare; mo ricordare i centri venetici di Este, Pado- ancora pi a occidente, lAltopiano dAsiago va e Vicenza, questultima situata al margine offre un ampio ripiano ad alta quota che pu meridionale della zona prealpina.

ICS Alessandro Faedo di Chiampo (VI)

Il mondo essere facilmente sfruttato, e certamente fu venetico verso ovest giungeva fino alla riva sfruttato dallepoca romana e prima, dalla est del Mincio, la cui riva occidentale era oc- pianura padana. Diversi popoli e diverse influenze si sono quando i Celti occuparono la pianura tra sovrapposti nel lungo termine; attualmente Oglio e Mincio e tra Mincio e Adige.Il Sindaco di Cimone Damiano Bisesti Abbiamo fatto i buoni a scuola di Maria Chiara Giovannini Artigiani del colore, quando il cosmetico si applica sui muri di Eleonora Angelini Aldeno Day: grande successo la prima edizione di Daniele Vettori Casa satellite: sei giovani, un appartamento, una storia di autonomia e realizzazione di se a cura dei ragazzi Casa Satellite Alla scoperta del territorio a cura dei giovani SAT Aldeno day, senza pretese improprie, vuole rappresentare solo questo.

Nel giocare questa importante partita non saremo soli. Abbiamo la fortuna di crescere in un contesto dove i rapporti di fiducia tra persone, associazioni ed enti sono improntati alla cooperazione. Facciamolo assieme. Tutti progetti ancora in fase di esecuzione, che richiedono precisione e costanza nel seguire gli sviluppi e i processi che porteranno alla conclusione dei cantieri.

Sono affiancata per fortuna da persone competenti che sanno spiegarmi e aiutarmi a trovare. I paesani mi hanno accolto in questo mio nuovo ruolo istituzionale, come se fossi una di loro. Non sono mancate comunque alcune incomprensioni, che per fortuna si sono risolte senza strascichi. Essere un amministratrice significa trovarsi sempre sotto esame e sotto osservazione. Non sempre mi riesce. In questo percorso, mi sento supportata e capita dai colleghi dei paesi limitrofi, Cimone e Aldeno, con i quali stiamo condividendo i primi passi per la creazione della gestione associata dei 3 paesi.

Siamo in cammino. Non ho paura. Parole profetiche.Gazzetta n.

ics alessandro faedo di chiampo (vi) : attestazioni oiv o struttura

Istruzioni applicative per gli intermediari in materia di obblighi di identificazione, registrazione e conservazione delle informazioni per finalita' di prevenzione e contrasto del riciclaggio sul piano finanziario.

Fonti normative 2. Definizioni 3. Destinatari 4. Obblighi applicabili 5. Attivita' istituzionale o professionale 6. Rapporti 7. Operazioni 8.

ics alessandro faedo di chiampo (vi) : attestazioni oiv o struttura

Identificazione: principi generali 2. Identificazione diretta mediante personale incaricato e collaboratori esterni 3. Documenti validi per l'identificazione 4. Identificazione indiretta 5. Identificazione a distanza 6. Obblighi di registrazione 2. Informazioni da acquisire e registrare: principi generali 3. Ulteriori informazioni da acquisire e registrare 4. Principi generali di registrazione 2. Causali analitiche e voci 2. Bonifici 3.Lgs n. Confilitti di Interesse.

Sidief S. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti navigatori ci si riferisce ad es.

Cookie di navigazione, per memorizzare le preferenze di navigazione e migliorare la navigazione sul sito CloudFlares. Per maggiori dettagli, si rimanda alle informative predisposte per particolari servizi. Company forma giuridica altro. Sito Web. Numero Civico. Fatturato Globale Medio Annuo. Numero Dipendenti.

Vibration intensity app

Carica il D. Data Scadenza D. Seleziona tutta l'Italia. Certificazioni ISO. Attestazioni SOA. Carica l'Attestazione. Categorie Generali. Categorie Specialistiche. Abilitazioni di cui al D. Lettera B. Lettera C. Lettera D. Lettera E. Lettera F. Lettera G. Fascia A. Fascia B. Fascia C. Fascia D. Fascia E. Fascia F. Fascia G. Fascia H. Fascia I. Fascia L. Altra Documentazione. Cookie tecnici Questo sito utilizza i seguenti cookie tecnici propri e di terze parti: Cookie di navigazione, per memorizzare le preferenze di navigazione e migliorare la navigazione sul sito CloudFlares.

Info Legali.Dagli intensi profumi della nostra terra Il cioccolato per quasi tutto il Cinquecento era prodotto nella sola Spagna e servito esclusivamente come bevanda, seguendo la ricetta tradizionale con peperoncino e pepe. Bruno Bruchi. Adamo morse una mela. Testimoni di queste storie nella storia sono i protagonisti di due lavori fotografici dedicati alla gente del Chianti Classico e alle confraternite dello Champagne.

Chianti Classico. Col nostro partner Chianti Classico condividiamo la convinzione che i luoghi fanno la differenza. La statua, di grandi proporzioni, rappresenta una ballerina che, in punta di un solo piede, tende braccia e volto al cielo.

Infatti a Tbilisi la Madre Ge. Da sinistra: Dom.

ics alessandro faedo di chiampo (vi) : attestazioni oiv o struttura

Marcello A. Ma ecco, si sente un tintinnio di bicchieri e un allegro chiacchierare, si vede un grande albero che accoglie sotto la sua chioma tanti tavoli pieni di. Davvero una splendida giornata, che promette una continuazione di rapporti tra il Podere La Cappella e la Georgia. Mi fa piacere descrivere il vino georgiano Tsinandali da me degustato. Veste color giallo paglierino con riflessi grigi. Olfatto ricco e vario con profumi di menta, eucalipto, minerale, pepe bianco, floreali di giglio, lyches, sedano fresco, smalto di vernice, cenere, gesso bagnato per terminare con soffi di buccia di cedro.

Un rosso importante che si presenta di un color rosso rubino intenso, espressione di un grappolo di medie dimensioni ma con acini che, grazie a una buccia spessa, consistente e con una colorazione che dal blu arriva fino.

Questo incontro regala fragranze olfattive che richiamano i frutti rossi, la confettura, le ciliege mature fino ad arrivare. E i locali hanno anche accesso su un magnifico giardino interno con vista panoramica sul Tempio di San Biagio, la Valdichiana e la Valdorcia, impreziosito dalla presenza di antichi alberi secolari. Quali sono attualmente i numeri consortili? Una cifra importantissima per un territorio nel quale, su Oltre mille i dipendenti fissi impiegati dal settore vino a Montepulciano, ai quali se ne aggiungono altrettanti stagionali.

Nel sono state immesse nel mercato circa 7,5 milioni di bottiglie di Vino Nobile e 2,5 milioni di Rosso di Monte. Vedo particolarmente positivo il legame tra tutti i nostri prodotti tipici, punto focale per uno sviluppo complessivo del territorio.

Ma ora sentiamo dalla.

Orari di sportello Uffici Via Galileo Galilei n. 9

Senza scordarsi che negli ultimi anni le aziende stanno beneficiando dei risultati di progetti come la selezione clonale, iniziato nel e la zonazione nei primi anni Novanta, allora pionieristici.

Netta la prevalenza di atleti da fuori regione, con oltre 1.

ics alessandro faedo di chiampo (vi) : attestazioni oiv o struttura

I restanti partecipanti si sono aggiudicati comunque una maglia tecnica della casa sportiva veneta. Una situazione alla quale abbiamo risposto, negli ultimi due anni, con una controffensiva senza precedenti in termini di vigilanza e tutela.

Attualmente in Cile, in Spagna e anche in Italia la vigilanza e la tutela del Consorzio ha bloccato la commercializzazione di falsi e ingannevoli marchi di Primitivo di Manduria. Col riconoscimento Erga Omnes per la Doc.Persone fisiche - fascicolo 1 - Corriere della Sera. Tutti i Modelli sono a disposizione dei contribuenti su Internet www. I Fascicoli 1 e 2 possono anche essere ritirati, gratuitamente, presso gli uffici comunali.

Controllate che le copie che avete ricevuto corrispondano a questa descrizione. Leggete le informazioni seguenti per accertare i vostri obblighifiscali:a Se avete solo redditi di lavoro dipendente, terreni o fabbricati. Nel caso in cui gli assegni risultino anche parzialmente scoperti o comunque non pagabili, il versamentosi considera omesso.

Il servizio di assistenza telefonicaper gli utenti del servizio telematico Internet risponde al numero Si usa il Modello di pagamento unificato F24 che permette di scrivere in apposite sezioni sia gli importia credito utilizzati sia gli importi a debito dovuti. Il pagamento si esegue per la differenza tradebiti e crediti. Il Modello F24 deve essere presentato in ogni caso da chi opera la compensazione,anche se il saldo finale indicato risulti uguale a zero per effetto della compensazione stessa.

IlModello F24 permette, infatti, a tutti gli enti di venire a conoscenza delle compensazioni operatein modo da poter regolare le reciproche partite di debito e credito. La mancata presentazione del Modello F24 comporta, nel caso in esame, una sanzione di lire I crediti che risultano dal Modello UNICO possono essere usati per compensare debiti dalgiorno successivo a quello della chiusura del periodo di imposta per cui deve essere presentata la dichiarazioneda cui risultano i suddetti crediti.

Gli importi a credito che il contribuente sceglie di utilizzare in compensazione non devono esserenecessariamente utilizzati in via prioritaria per compensare i debiti risultanti dalla dichiarazione.

I crediti IVA risultanti dalle liquidazioni periodiche effettuate dai contribuenti possono essere calcolatiin diminuzione di quanto risulta dovuto solo dalle successive liquidazioni periodiche IVA. Tali crediti possono essere compensati fino al giorno precedente la successiva autoliquidazione.

Non si possono rateizzare, invece, gli importi da versare a titolodi acconto o di saldo nei mesi di novembre e dicembre. In ogni caso, infatti, il pagamento ratealedeve essere completato entro il mese di novembre.

Rarest items in rdr2

Lerate successive alla prima devono essere pagate entro il giorno 16 di ciascun mese di scadenza peri titolari di partita IVA, ed entro la fine del mese per gli altri contribuenti. Tutta la documentazione concernente i redditi, le ritenute, gli oneri, le spese, ecc. Altri dati invece es. Secondo la legge n.

Il Ministero delle Finanze, Agenzia delle Entratesi impegna a trattarli nel pieno rispetto delle norme. Il Modello Base deve essere compilato da tutti i contribuenti non esonerati. Il cognome e il nome vanno indicati senza alcun titolo di studio, onorifico, ecc.

Persone fisiche - fascicolo 1 - Corriere della Sera

Luogo e data di nascitaScrivere il nome del Comune in cui siete nati e, nella casella successiva, la sigla della provincianella quale si trova il vostro comune di nascita. Scrivere la vostra data di nascita in questa successione: giorno, mese, anno. Barrare la casella M, se siete maschio, oppure la casella F, se siete femmina. Se siete titolari di partita IVA, scrivere il numero nello spazio indicato. Se volete, potete scrivere anche il numero di telefono. Se presentate la dichiarazione per la prima volta scrivere la data di presentazione.

Qui dovete indicare il Comune in cui avevate il domicilio fiscale al 31 dicembre Si ricorda che gli effetti delle variazioni del domicilio fiscale, che generalmente coincide con la residenzaanagrafica, decorrono dal sessantesimo giorno successivo a quello in cui si sono verificate.

Convengo Alis, Cottarelli: \

Pertanto, il contribuente che ha variato il proprio domicilio a partire dal 2 novembredeveindicare il domicilio precedente a tale data. Se questi contribuentinon sono proprietari del terreno, non lo hanno in usufrutto o non hanno su di esso un altro dirittoreale, va compilata solo la colonna del reddito agrario.

In questo caso scrivetei totali dei redditi dominicale e agrario nel rigo RA11 del primo quadro che avete utilizzato Mod. Redditi non variatiCome compilare soltantoil rigo RA11 se non cisono state variazioniSe avete presentato la dichiarazione nel e i redditi dei terreni non sono variati, potete compilaredirettamente il rigo RA11 senza riempire i singoli righi del quadro RA.


Replies to “Ics alessandro faedo di chiampo (vi) : attestazioni oiv o struttura”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *